Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

ECCO IL NUOVO ATTO DI INDIRIZZO. RIMANE IL GIUDIZIO CRITICO, MA SIAMO ALLA VIGILIA DI NUOVE TRATTATIVE

Immagine Postata il 11/04/2015
Autore : MARCO

9 aprile - Ecco il nuovo atto di indirizzo e il primo commento del segretario generale Smi, Pina Onotri




Questo il primo commento di Pina Onotri, segretario Smi, pubblicato su Sole 24 Ore Sanità.it

 

Dopo la “firma critica” del documento di intesa dello scorso 5 marzo, su proposta del Comitato di Settore della Conferenza della Regioni, non possiamo che confermare un giudizio critico anche sul nuovo Atto di indirizzo, che se da un alto recepisce alcuni miglioramenti sulla base delle proposte dei sindacati, dall’altro rimane un testo che contiene tutte le storture di anni di politiche sbagliate sulla sanità del territorio. Sul banco degli imputati ci sono tanto la legge Balduzzi, quanto la logica delle riforme a isorisorse.

Una, la nota pienamente positiva, dato che lo Smi che è presente in tutte le aree della convenzionata, insieme a Unp per la pediatria e in Fespa per la specialistica ambulatoriale: si supera lo stallo nelle trattative per il rinnovo delle convenzioni per la riorganizzazione delle cure primarie. 

Nel merito. Sono state recepite modifiche importanti all’atto di indirizzo per la specialistica ambulatoriale e per la pediatria, mentre per la medicina generale permangono importanti punti controversi. Tra le noti dolenti il nodo del finanziamento delle Aggregazioni funzionali territoriali (Aft), le modalità di costituzione e di governance delle stesse, con il consueto corollario di coordinatori/"capetti".

Si limitano, quindi, di fatto alcuni punti controversi della legge Balduzzi, ma si continuano a non affrontare diversi problemi, come quello relativo alla necessità di coniugare ruolo unico e tempo pieno. Non solo: non si fa riferimento alla riallocazione delle risorse disponibili grazie ai risultati clinici ottenuti e dall’appropriatezza degli strumenti utilizzati dalla medicina generale (farmaceutica, specialistica ambulatoriale, diagnostica e gestione delle patologie croniche in generale secondo PDT condivisi) e, più in generale, si elude il nodo dell’assenza di fondi adeguati (come previsti invece in un recente accordo in Veneto) in grado di poter finanziare la riorganizzazione del territorio.

Infine, andando agli aspetti positivi. Si disciplinano a livello generale solo le AFT, mentre le UCCP vengono demandate alle regioni con un finanziamento interno al SSN e non a carico della convenzione. Si salvaguarda, inoltre, e per il bene dei pazienti, e la tenuta stessa della capillarità dei servizi sul territorio, l’attuale configurazione degli studi dei medici di famiglia.

Ora attendiamo la convocazione della Sisac e in quella sede avanzeremo le nostre ulteriori proposte, a partire dalla necessità di prendere a modello realtà regionali virtuose per una medicina di gruppo “funzionale”, come quella veneta e per altri aspetti quella calabrese, e non “strutturale” come si tende, invece, a fare nel resto del Paese. Nella prima è stato, inoltre, recentemente firmato un accordo, con risorse adeguate. In entrambi i casi con una grande centralità dei medici di medicina generale.


AttachImage 20150410-092807147878_AGGIORNAMENTO ATTO INDIRIZZO DEFINITIVO COMITATO DI SETTORE.pdf

Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1