Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

Direttivo Regionale del Sindacato Medici Italiani - Calabria

Immagine Postata il 25/08/2015
Autore : REDAZIONE

Direttivo regionale del Sindacato medici italiani introdotto da una relazione del Segretario regionale Francesco Esposito e con la partecipazione del Segretario nazionale Pina Onotri.




Direttivo regionale del Sindacato medici italiani introdotto da una relazione del Segretario regionale Francesco Esposito e con la partecipazione del Segretario nazionale Pina Onotri.

La presenza del segretario nazionale è stato il segnale più importante della preoccupazione che il Sindacato nutre per i destini della sanità calabrese sia in termini di possibilità di fruizione di servizi essenziali da parte dei cittadini che di vita e di lavoro degli operatori.

Il Sindacato medici italiani ritiene in fatti la fase attuale assolutamente tragica. Mentre i servizi sanitari continuano a crollare, mentre i Pronto soccorso scoppiano per una domanda, spesso inappropriata, ma che tuttavia non sa dove altro rivolgersi, mentre aumenta la migrazione sanitaria per tutta la patologia d’elezione i responsabili a vario titolo della sanità calabrese sono in “tutt’altre faccende affaccendati”.

Gli amministratori locali continuano a difendere strenuamente strutture ospedaliere inutili e pericolose elevandole a simbolo della promozione dei territorio. La politica regionale si dimostra sensibile a quelle richieste dei territori pensando all’andamento della prossima consultazione elettorale. La gestione commissariale infine, in questa fase direttamente responsabile delle decisioni, continua a mantenere, dopo cinque anni di Piano di rientro, la compatibilità economica come una variabile indipendente dai reali risultati in termini di salute per la popolazione calabrese.

Poco o nulla infatti è stato avviato per un superamento dell’attuale struttura del Servizio sanitario regionale alla ricerca di una maggiore efficienza a partire dalla definizione di una adeguata rete territoriale e per un ridimensionamento di quella ospedaliera puntando al massimo sviluppo tecnologico e strutturale degli ospedali  maggiori.

Anche la annunciata deroga dal cosiddetto turnover zero degli operatori di tutte le categorie appare, a una attenta disamina, molto meno significativa degli annunci ma anche subordinata ad obiettivi praticamente irraggiungibili.  I provvedimenti del commissario poi presentano evidenti incoerenze e contraddizioni come quando si ordina alle aziende un adeguamento di organico negando poi la richiesta di procedere alle assunzioni necessarie. Ma soprattutto risultano inspiegabili il diniego di assunzioni di medici e l’autorizzazione ad assumere altro  personale sanitario anche in situazioni di esubero.

In tutto questo emerge sempre più drammatica la condizioni degli operatori precari con particolare riferimento ai medici. Questi ormai non più giovani professionisti che da anni stanno garantendo, in moltissimi casi, la stessa sopravvivenza di tanti servizi sanitari, continuano ad essere ignorati dalla gestione commissariale regionale  senza che, da parte loro, i commissari aziendali riescano ad “alzare la voce” per sostenere le legittime aspirazioni di questi lavoratori,

Il sindacato medici italiani ha deliberato di aprire una puntigliosa vertenza nelle prossime settimane denunciando sistematicamente all’opinione pubbliche le storture che si stanno determinando nella sanità calabrese da parte di qualsiasi attore coinvolto.

Gli operatori assillati da precariato, turni ossessivi, rinuncia alle ferie e, spesso con  danni gravi da stress,  chiamano a raccolta i calabresi tutti trascurati nei servizi essenziali e duramente colpiti nelle proprie tasche dalle tasse regionali più alte d’Italia, perché questa intollerabile stato di cose abbia a cambiare immediatamente.

Da parte sua il segretario nazionale ha assicurato ogni sostegno da parte del Sindacato nazionale specialmente in ordine alla questione precari.

 


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1