Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SANITÀ, IN SICILIA STANOTTE ENNESIMA AGGRESSIONE A UNA GUARDIA MEDICA LO SMI SOLIDALE CHIEDE GESTI CONCRETI AI MINISTRI LORENZIN E ALFANO PER RISOLVERE STRUTTURALMENTE IL PROBLEMA SICUREZZA

Immagine Postata il 23/02/2016
Autore : MICCICHEMA

23 febbraio - Oggi, in mattinata, grazie alla locale rete di medici della Continuità Assistenziale, è giunta al Sindacato dei Medici Italiani-Smi l'ennesima notizia di una grave aggressione a una dottoressa di medicina generale, presso il Presidio di Continuità Assistenziale di Nicolosi (Catania). Il segretario generale dello Smi, Pina Onotri, ha denunciato come questo episodio, "sia solo l'ultimo di una lunga serie di atti violenti che colpiscono i medici di continuità assistenziale non solo in Sicilia, ma in tutta Italia, per le condizioni precarie in cui operano".




COMUNICATO STAMPA


SANITÀ, IN SICILIA STANOTTE ENNESIMA AGGRESSIONE A UNA GUARDIA MEDICA 

LO SMI SOLIDALE CHIEDE GESTI CONCRETI AI MINISTRI LORENZIN E ALFANO PER RISOLVERE STRUTTURALMENTE IL PROBLEMA SICUREZZA 


Oggi, in mattinata, grazie alla locale rete di medici della Continuità Assistenziale, è giunta al Sindacato dei Medici Italiani-Smi l'ennesima notizia di una grave aggressione a una dottoressa di medicina generale, presso il Presidio di Continuità Assistenziale di Nicolosi (Catania).

Il segretario generale dello Smi, Pina Onotri, ha denunciato come questo episodio, "sia solo l'ultimo di una lunga serie di atti violenti che colpiscono i medici di continuità assistenziale non solo in Sicilia, ma in tutta Italia, per le condizioni precarie in cui operano".

Ecco i fatti, come denunciati dallo Smi Sicilia.
Alle ore 3.00 della notte degli uomini entravano nel Presidio sanitario. Dopo un'aggressione iniziale che procurava alla medico delle lesioni traumatiche, subiva un'ulteriore reazione rabbiosa dei criminali, solo perché era in possesso di pochi euro, quindi veniva sequestrata e portata in una postazione del servizio bancario per forzarla ad effettuare un prelievo.
Infine, la dottoressa veniva abbandonata in piena notte, scalza, nei dintorni di un hotel del luogo, al freddo (la località è in montagna alle pendici dell'Etna ) e senza possibilità di comunicare, visto che erano stati danneggiati tanto il cellulare quanto gli altri apparecchi telefonici del Presidio. Le forze dell'ordine hanno proceduto all'arresto di 2-3 sospettati. La vittima, traumatizzata e ferita, è stata ricoverata in Ospedale.


Lo SMI nazionale e della regione Sicilia ha espresso la propria solidarietà e vicinanza alla dottoressa per questa brutale aggressione, chiedendo anche che, esaurito il momento dell'indignazione, questa volta si realizzino atti concreti da parte del Ministro dell'Interno, Angelino Alfano e della Salute, Beatrice Lorenzin.
Lo SMI da tempo denuncia, inascoltato, a tutti i livelli le violenze di cui sono oggetto i medici dei Presidi di Continuità Assistenziale.


"Ora basta - conclude Onotri - riteniamo responsabili della mancanza di misure idonee di sicurezza per la guardia medica tanto i ministri, quanto gli assessori regionali e i Direttori generali, che ignorano le continue segnalazioni dei sindacati e le pressanti richieste di aprire un tavolo per trovare soluzioni urgenti a livello strutturale. Non è possibile più pazientare ed aspettare... Cosa si attende che ci scappi un altro morto?".

Roma, 23 febbraio 2016


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1