Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SICILIA, IL PERENNE RICATTO DEL PRECARIATO A DANNO DEI MEDICI

Immagine Postata il 28/12/2016
Autore : MICCICHEMA

Sulle pratiche "spericolate" di alcune ASL in Sicilia sui precari, la protesta dello Smi




 

 




Immagine Dallo Smi Sicilia  

Il documento circolante all'ASP di Agrigento che pare sia voluto come attestato da sottoscrivere e pubblicato anche su alcuni organi di stampa ( vedi quanto da noi riportato proprio ieri dal sito agrigentosette.it ), era già stato portato e discusso da SMI Sicilia, il cui consiglio regionale si era riunito sabato scorso per discutere le problematiche attuali inerenti il problema precari...

In tale contesto  è stato deciso di inoltrare immediatamente richiesta di incontro al Direttore Generale dell'ASP agrigentina, nonchè di portare a conoscenza dell'Assessore quanto accade nelle periferie aziendali, oltre che a sottoporre tale prassi di sapore vagamente "contrattuale" all'Ufficio Legale del Sindacato Medici Italiani.

Riportiamo quindi la lettera inviata ( vedi il link sottostante... ) nonchè il testo della comunicazione. 

Presto informeremo sull'evoluzione di questa penosa vicenda, ulteriore attacco al diritto al lavoro.

--------------------  

Al Direttore Generale ASP Agrigento

                        Cont.da Consolido - Agrigento 

e p.c. All’ Assessore Regionale alla Salute

                        Piazza Ziino - Palermo

Palermo 19 Dicembre 2016                                                                                                                

 

Oggetto: Segnalazione anomalia in merito alla proposta di proroga di contratti a tempo determinato della Dirigenza Medica

 

Spett.le  Direttore Generale,

   lo scrivente Sindacato è venuto a conoscenza, in via informale, che in questi giorni ad alcuni Dirigenti Medici, con contratto a tempo determinato in scadenza  al 31/12/2016, che prestano servizio nella Vostra Azienda , è stato recapitato un modello di dichiarazione  di atto notorio relativa al rinnovo del suddetto  contratto.

Gli elementi salienti di tale dichiarazione indirizzata al “Direttore Generale dell’ASP di Agrigento” sono:

·        Attestazione di avere maturato, o di essere in procinto di maturarli entro i primi mesi del 2017, tre anni di servizio nel SSR;

·        Attestazione di vantare legittima aspettativa alla stabilizzazione ai sensi dell’art.3 del DPCM del 06/03/2015, o in alternativa ai sensi dell’art 35, comma 3 bis del D.L.gs n 165/01 e s.m.i;

·         Proposta, al fine di evitare inutili contenziosi con l’Azienda e di scongiurare il rischio di non potere partecipare alla procedure di stabilizzazione, di prosecuzione del rapporto di lavoro a tempo determinato attualmente intrattenute con la Vostra ASP in scadenza al 31/12/2016;

·         Rinuncia all’esercizio di eventuali azioni e/o richieste risarcitorie scaturenti dalla prosecuzione del rapporto di lavoro medesimo e ad ogni eventuale pretesa o diritto scaturenti dal suddetto rapporto.

   Se ciò corrispondesse al vero si tratterebbe di una dichiarazione contraria alla normativa vigente, anche in tema di stabilizzazioni, nonché alle comuni regole di correttezza e buona fede di cui agli artt. 1175 e 1375 c.c., sottintendendo uno sgradevole tenore ricattatorio, che siamo sicuri invece non ricorra nelle intenzioni di Codesta Azienda.

   Questo Sindacato ritiene che, qualunque possa essere la natura ispiratrice di tale documento, dal momento che risulta palesemente contrario agli interessi dei suoi potenziali sottoscrittori, oltre che in contrasto con lo spirito della Costituzione e dello Statuto dei lavoratori, lo stesso DEVE ESSERE immediatamente stigmatizzato, in particolare dall’Azienda da Lei diretta.

   Si invita pertanto la S.V, qualora ne venisse a conoscenza e/o comunque nell’esercizio delle Sue funzioni, di VIETARNE l’acquisizione da parte degli uffici competenti ed altresì di evitare tassativamente che i rinnovi dei contratti in essere siano in qualche modo condizionati e/o subordinati a tale acquisizione.

   Se ciò dovesse verificarsi, lo scrivente Sindacato si riserva di adire tutte le Autorità competenti, comprese quelle legali, a difesa dei diritti dei Dirigenti medici precari che intrattengono rapporti di lavoro con codesta Azienda.

   Si richiede pertanto, al fine di acquisire ulteriori elementi chiarificatori su questa incresciosa vicenda, un incontro urgente con la S.V, a cui parteciperà la Dirigenza regionale del Sindacato Medici Italiani(SMI)

   

  Cordiali Saluti

Il Segretario Regionale  Dr. Paolo Carollo

 

 

 


AttachImage 20161220-144904028356_Allegato.pdf
 

 


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1