Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SICUREZZA SANITÀ, LO SMI È STATO RICEVUTO IERI DAL PRESIDENTE DEL SENATO, PIETRO GRASSO

Immagine Postata il 20/10/2017
Autore : REDAZIONE

OGGI RIUNIONE DELLA DELEGAZIONE PER FARE IL PUNTO. PINA ONOTRI, SMI:”GRANDE SENSIBILITÀ È STATA MOSTRATA DAL PRESIDENTE DEL SENATO. CI AUGURIAMO CHE SULL’EMERGENZA AGGRESSIONI I PARLAMENTARI RACCOLGANO IL NOSTRO APPELLO: SOLO GARANTENDO I MEDICI E GLI OPERATORI DELLA SANITÀ PUBBLICA SI TUTELA IL DIRITTO COSTITUZIONALE ALLA SALUTE”




 
COMUNICATO STAMPA

 

SICUREZZA SANITÀ, LO SMI È STATO RICEVUTO IERI DAL PRESIDENTE DEL SENATO, PIETRO GRASSO

 

OGGI RIUNIONE DELLA DELEGAZIONE PER FARE IL PUNTO. PINA ONOTRI, SMI:”GRANDE SENSIBILITÀ È STATA MOSTRATA DAL PRESIDENTE DEL SENATO. CI AUGURIAMO CHE SULL’EMERGENZA AGGRESSIONI I PARLAMENTARI RACCOLGANO IL NOSTRO APPELLO: SOLO GARANTENDO I MEDICI E GLI OPERATORI DELLA SANITÀ PUBBLICA SI TUTELA IL DIRITTO COSTITUZIONALE ALLA SALUTE” 

 

 

20 ottobre - Soddisfazione è stata espressa dalla delegazione del Sindacato dei Medici Italiani-Smi riunita stamattina, dopo l’incontro di ieri con il presidente del Senato, Pietro Grasso, per mettere in rilievo il grave problema delle aggressioni che subiscono, da troppo tempo, i medici e gli altri operatori ella sanità pubblica. Presenti il segretario generale dello Smi, Pina Onotri, accompagnata da Cristina Patrizi, consigliere dell’Ordine dei medici di Roma e Antonio Bertolini, dirigente regionale Smi-Lazio. Ricordiamo che, appunto, nei giorni scorsi era stato lanciato un appello alle massime istituzioni del nostro Parlamento, affinché si trovino soluzioni urgenti contro questa spirale di violenza: una vera e propria emergenza sicurezza.

 

Alla fine della riunione della delegazione di ieri sera, il segretario generale, Pina Onotri, ha ricordato i principali spunti di conversazione, sottolineando, intanto, “la grande sensibilità del presidente del Senato, l’attenzione poste alle questioni esposte. Sulla necessità di un maggiore impegno del Parlamento nel dare risposte concrete al senso di abbandono, disagio e rabbia che vivono i medici, soprattutto le donne, quando sono in prima linea sulle ambulanze, nelle guardia Mediche, nei Pronto Soccorso, negli ospedali e negli ambulatori, ad assistere i cittadini per garantire il diritto alla salute. Un diritto costituzionale, è bene ricordare”.

 

“Abbiamo posto il problema di un malinteso regionalismo - continua - come dimostra la grave vicenda delle indennità sospese ai medici di guardia medica, in Basilicata e Abruzzo, proprio a quei professionisti che tutelano i pazienti nelle ore notturne”.

 

 

“Quindi - conclude Onotri - abbiamo evidenziato come questa spirale di violenza sia anche figlia di un Ssn sempre più sotto finanziato e povero, di strutture spesso inadeguate, senza sistemi efficaci di sicurezza, di una organizzazione compromessa da un precariato pervasivo, di un sempre più generale smantellamento della sanità pubblica, che invece deve essere difesa con tutte le nostre energie”

 


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1