Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

INDENNITÀ, CONTINUA LA BATTAGLIA DELLO SMI PER LA TUTELA DELLE GUARDIE MEDICHE. IN ABRUZZO UNA PRIMA INTESA SPERIMENTALE PER SALVAGUARDARE L’APPLICAZIONE DEGLI ACCORDI REGIONALI

Immagine Postata il 08/01/2018
Autore : MICCICHEMA

Sulla dura contrapposizione sulle indennità per le Guardie Mediche in Abruzzo, si registra un passo avanti, ma rimangono ancora aperti molti problemi. il commento di Silvio Basile.




COMUNICATO STAMPA

INDENNITÀ, CONTINUA LA BATTAGLIA DELLO SMI PER LA TUTELA DELLE GUARDIE MEDICHE

IN ABRUZZO UNA PRIMA INTESA SPERIMENTALE PER SALVAGUARDARE L’APPLICAZIONE DEGLI ACCORDI REGIONALI

RIMANE APERTO IL FRONTE SULLE INDEBITE RICHIESTE DI RIMBORSI PER LE INDENNITÀ DI RISCHIO DA PARTE DELLA REGIONE 

2 gennaio - Sulla dura contrapposizione sulle indennità per le Guardie Mediche in Abruzzo, si registra un passo avanti, ma rimangono ancora aperti molti problemi. 

Il commento di Silvio Basile, presidente Regionale Smi Abruzzo: “Lo scorso 22 dicembre è stato sottoscritto un accordo con le aziende, grazie alla mediazione dell'assessore alla salute Silvio Paolucci, che consente ai medici di poter ripristinare i livelli retributivi precedenti alla delibera regionale 398 che, come noto, eliminando l'indennità di rischio, aveva portato ad una decurtazione degli stipendi dei medici di continuità assistenziale di circa 500 euro mensili.

Una intesa che dà attuazione a una parte del vigente AIR e che prevede la possibilità di svolgere attività ambulatoriale nelle sedi di continuità assistenziale. 

Per questa attività è prevista una retribuzione pari a 4 euro ora, la stessa di quanto era stato tolto tagliando la indennità di rischio.

Una buona mediazione per una sperimentazione, che può essere rivista tra sei mesi ed eventualmente modificata se dovessero emergere criticità.

Come Smi Abruzzo, ci si augura che possa essere d'aiuto anche ai medici della Basilicata, colpiti da analoghi provvedimenti.

Restano, purtroppo, immutati i problemi legati al pregresso. 

L'assessore Paolucci ha in più occasioni sostenuto l’ineludibilità del provvedimento adottato, consultata la avvocatura, ma anche ribadito che la soluzione è da ricercare nella conferenza Stato-Regioni. 

La battaglia è lunga, ma lo Smi non cederà un solo spazio e continuerà a lottare in tutti gli ambiti per tutelare i medici del settore”. 

 


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1