Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SANITÀ, LA DIREZIONE NAZIONALE SMI FISSA I PALETTI PER LA IMMINENTE TRATTATIVA SULL’ ACCORDO DI LAVORO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

Immagine Postata il 26/02/2018
Autore : REDAZIONE

26 febbraio - Lo scorso fine settimana, 24 e 25 febbraio, a Tivoli (Roma), si è riunita la direzione nazionale del Sindacato dei Medici Italiani che ha approvato all’ unanimità un documento elaborato dalla Commissione Unitaria della medicina generale in relazione alla prossima riapertura della trattativa degli accordi di lavoro dell’area, il 1 marzo, con la Sisac.




COMUNICATO STAMPA

Pina Onotri, SMI: “Gli arretrati sono dovuti, si versino subito. Per il nuovo contratto servono più risorse. Rispetto la futura carenza di medici: inopportuno l’aumento di massimale e ottimale. Sì alla stabilizzazione dei precari, valorizzazione dei medici equivalenti ed equipollenti. Previsione di più borse di formazione specifica, equiparazione, anche economicamente, della scuola di MMG alle altre specializzazione”


 


 

26 febbraio - Lo scorso fine settimana, 24 e 25 febbraio, a Tivoli (Roma), si è riunita la direzione nazionale del Sindacato dei Medici Italiani che ha approvato all’unanimità un documento elaborato dalla Commissione Unitaria della medicina generale in relazione alla prossima riapertura della trattativa degli accordi di lavoro dell’area, l’1 marzo, con la Sisac.


 

Nel documento si dà mandato alla segreteria nazionale del sindacato affinché si prosegua l’azione politica tesa, al recupero degli arretrati, “attesi da troppo tempo”, a perseguire risorse adeguate per “un reale investimento sull’organizzazione della medicina generale”.

Quindi, riferendosi alla futura carenza di medici evidenziata dai dati Enpam nelle scorse settimane, si chiede “di anticipare l’accesso alla professione dei giovani medici formati nell’area della medicina generale intervenendo sulle tutele”, ma anche la “stabilizzazione dei precari, dando dignità ai medici equipollenti ed equivalenti, fortemente radicati e già formati sul territorio”.

Inoltre, si invita a riaffermare, il “ruolo centrale della medicina generale nella gestione e governance di tutti i processi utili alla gestione della cronicità”.


 

Lo Smi ritiene necessario, vista sempre, “la criticità del turn over dei medici, l’aumento e adeguamento economico alle altre specialità dei posti messi a bando per i corsi di formazione specifica, equiparando tali scuole alle altre specializzazioni”. Non solo: anche ad “incentivare la mobilità dei camici bianchi in zone disagiate e carenti”.

Infine, si considera, “inopportuno l’aumento del massimale e dell’ottimale che pregiudicherebbe l’accesso dei giovani medici e il ricambio generazionale”.


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1