Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SANITÀ, OK AD ACCORDO SULLA CORRESPONSIONE DEGLI ARRETRATI: UN ATTO DOVUTO. NO A UNA PRE-INTESA SENZA RISORSE AGGIUNTIVE. NO AGLI AUMENTI DEI MASSIMALI E DEI CARICHI DI LAVORO

Immagine Postata il 02/03/2018
Autore : REDAZIONE

2 marzo - Ieri si è tenuto il previsto incontro tra i sindacati medici e la Sisac per il rinnovo della convenzione della medicina generale, l’accordo collettivo nazionale di lavoro degli oltre 70mila medici di famiglia, di continuità assistenziale, del 118 e dei servizi. Per il Sindacato dei Medici Italiani erano presenti, Pina Onotri, segretario generale, Luigi De Lucia, vice segretario nazionale, e Bruno Agnetti, responsabile nazionale Assistenza Primaria.




COMUNICATO STAMPA


 

Pina Onotri, alla fine dell’incontro, sospende il giudizio sul testo presentato dalla parte pubblica, oltretutto ancora in attesa del via libera del Mef: “Un accordo sotto la pressione della tornata elettorale, quindi forzato, segnato anche dalle polemiche derivanti dalla denuncia sulla futura carenza di camici bianchi nei prossimi anni. Manca ancora una visione di insieme sulle cure primarie, la continuità dell’assistenza e la rete di emergenza. Permangono delle criticità, ma vi sono anche note positive : la corresponsione degli arretrati che attendiamo dal 2010. Un atto dovuto per la categoria che ha subito in questi anni un impoverimento per effetto della pressione fiscale e della crisi economica e un aumento del lavoro e dei carichi burocratici e impropri”.


 

“Come donna - continua - non posso che essere contenta dell’attenzione rivolta, alla astensione obbligatoria e astensione anticipata per gravidanza, e gravidanza a rischio, per le colleghe. Tra altro è stata sottolineata, congiuntamente, con la parte pubblica, la necessità di messa in sicurezza delle guardie mediche”. 


 


 

“Tra le criticità - sottolinea Onotri - l’assenza di un percorso vero verso il tempo pieno e il ruolo unico, per tutti i medici dell’area, proposta storica dello Smi da oltre 20 anni. Non esiste, inoltre, al momento, nessuna apertura sulla stabilizzazione dei precari, la valorizzazione di equipollenti ed equivalenti, per scongiurare la futura carenza di professionisti del settore, come evidenziato nelle scorse settimane dall’Enpam. Tra gli spunti positivi, l’accelerazione dell’ingresso in graduatoria dei giovani medici neo formati”. 


 

“Quella siglata ieri - conclude - è una buona base di partenza che mette al sicuro  gli arretrati e pone le fondamenta per una discussione che abbia al centro la valorizzazione del ruolo della medicina generale e l ‘obbiettivo di uniformare tutte le aree contrattuali all’interno dell Acn, in termini di pari opportunità e pari dignità. Lo Smi lavorerà per questi obiettivi”.


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1