Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SANITA': SMI CONTRO SMI, 'NON SIAMO NOI FRONDA', TRIOZZI REPLICA A ONOTRI = AdnKronos Salute

Immagine Postata il 06/06/2018
Autore : REDAZIONE

Il gruppo del presidente, congresso straordinario a Tivoli ci sarà




Roma, 5 giu. (AdnKronos Salute) - Cresce la tensione all'interno dello Smi, letteralmente spaccato in due. Un sindacato che si avvia a celebrare due congressi, uno a Napoli, ordinario ed elettivo indetto dal segretario nazionale uscente la cui leadership è messa in discussione, a colpi di sfiducia, dal gruppo 'del presidente', Lino Puzzonia, che invece ha indetto a Tivoli un congresso nazionale straordinario. Le cariche, in questa difficile fase, sono contestate sia da una parte che dall'altra. "La fronda non siamo noi: la rappresenta la Onotri, non più leader, ma ex segreteria sfiduciata dalla maggioranza della segreteria nazionale,della direzione nazionale e del Consiglio Nazionale. E il caos e l'escalation autoritaria nascono da questa sfiducia", spiega all'Adnkronos Salute, Mirella Triozzi, vicesegretaria nazionale Smi e vicepresidente Fvm. Triozzi mette in evidenza quella che, secondo il gruppo, rappresenta un vero insulto alla democrazia sindacale. Dopo la sfiducia, infatti, "il collegio dei probiviri ha immediatamente sospeso ed espulso diversi dirigenti con argomentazioni surreali (i componenti del collegio sono stati tutti querelati dalle vittime) e cercato di sospendere il Consiglio nazionale del 21-22 aprile", in cui era stata posta la sfiducia.

Diversi i punti contestati nella ricostruzione della vicenda fatta dal segretario generale uscente. A partire dal caso di appropriazione indebita citato da Onotri come origine della frattura. "Non c'è alcun procedimento penale per sospetta appropriazione indebita - riferisce ancora Triozzi - ma c'è stata una lunga indagine a seguito di una denuncia di un ex dirigente (lo stesso ne ha presentate anche in altre procure anche su altre questioni, appunto, quasi tutte già archiviate) sulla quale l'accusa, cioè il pubblico ministero, ha già chiesto l'archiviazione perché la contabilità dello Smi è regolare. Si è in attesa della decisione definitiva del Gip, quindi è quantomeno irrituale, in assenza di un processo, che non è mai cominciato, che la Onotri abbia deciso senza informare nessuno che lo Smi si presentasse parte civile. Parte civile in che processo?"
Il tribunale di Roma, ieri, infine "non ha dato ragione alla Onotri, ma ha sospeso, in attesa della prossima udienza, solo alcune delle decisioni, che cita espressamente, e non quella relativa alla convocazione del Congresso straordinario. Deliberazioni che ha preso il Consiglio nazionale del 21-22 aprile, presenti 164 consiglieri nazionali su 309". Il tribunale, quindi, "non ha sospeso il congresso straordinario di Tivoli dell'8 - 10 giugno", ribadisce Triozzi precisando che "il congresso straordinario per statuto si auto convoca obbligatoriamente con la maggioranza assoluta delle firme dei consiglieri nazionali, cosa che è appunto avvenuta con 164 su 309", conclude sottolineando che "tutti i responsabili di questa triste storia, Onotri in testa, sono stati querelati civilmente e penalmente dalle vittime".


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1